Laureato in scenografia all’accademia di belle arti di Brera, con una sempre crescente passione per il digital e le nuove tecnologie, travisa gli studi su Beckett e si appassiona di linguaggi che “non comunicano”, scoprendo il lato artistico del codice.